Peter Gabriel uomo della pace 2006.

Immagine uppata su Uppo.it

Sono contento che Peter Gabriel, il mitico fondatore dei grandi Genesis,
e’ stato premiato come Man of Peace 2006, uomo della pace 2006!
E’ stato premiato dal Summit dei premi Nobel per la pace, alla sua VII edizione.
A consegnare il premio, una statuetta raffigurante “La Dafne della Pace”, realizzata da Virgilio Mortet, sono stati, nell’aula Giulio Cesare del Campidoglio, il sindaco di Roma Walter Veltroni e i nobel per la pace Lech Walesa e Mairead Corrigan Maguire, assente Mikhail Gorbaciov per problemi di salute.
Il premio e’ stato consegnato a Gabriel per il suo impegno, nella promozione dei diritti umani, e per la pace.
E’ stato anche uno dei primi musicisti occidentali a schierarsi contro l’apartheid con la canzone “Diko”.
Peter Gabriel, ha detto che nella vita ha ricevuto molti premi, e riconoscimenti, ma questo è quello che per me ha più significato, per le persone che me lo hanno assegnato, che sono un esempio con la loro opera.Un grazie particolare va a Gorbaciov”. Gabriel, accompagnato dalla moglie, dai figli e dai genitori in prima fila nell’aula Giulio Cesare, in Campidoglio, ha ricordato che proprio dalla madre “ha ereditato l’amore per la musica” e dal padre “quello per la tecnologia”. “La musica – ha sottolineato Gabriel – non è un talento è un linguaggio.
E’ stato durante il tour promosso da Amnesty Internazional nel 1988 che ho avuto la consapevolezza della sofferenza del mondo. Più divento maturo e più credo nel valore dell’istruzione. Se tutti nel mondo avessero la possibilità di accedervi on line o via telefono, molto cambierebbe. Viviamo in un mondo strano – ha continuato – in cui i bambini sono trasformati in macchine per uccidere dove la violenza è la norma e i ragazzi crescono alienati e la tecnologia può mettere in connessione le persone”. “Sono ancora così ingenuo – ha concluso – a credere nella bontà e nella generosità dell’essere umano. Mi auguro che riusciremo ancora a trovare quell’elemento magico conficcato nella profondità della nostra anima capace di trasformare i dati in informazione, l’informazione in conoscenza, la conoscenza in saggezza e quindi la guerra in pace”.

Fonte Ansa.

~ di maxfjster su 18 novembre 2006.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: