Il tour di Sting a Firenze.

  • ‘Songs From The Labyrinth’
  • Free Image Hosting at www.ImageShack.us

    La prima tappa italiana del tour europeo di Sting per promuovere il suo album ‘Songs From The Labyrinth’, sara’ a Firenze il 21 febbraio. La tournee partira’ il 18 febbraio da Parigi. Il 21 Sting sara’ al Teatro Verdi di Firenze, il 22 all’Auditorium Parco della Musica di Roma e il 23 al Teatro degli Arcimboldi di Milano. Sting sara’ accompagnato dal liutista Edin Karamazov. Il disco, pubblicato da Deutsche Grammophon, e’ un tributo a John Dowland, compositore elisabettiano del XVII secolo.

    Sting

    Uno tra i tanti brani da solista

    Recensione ‘Songs From The Labyrinth’
    Un insolito viaggio nel tempo in compagnia del geniale musicista ex bassista dei Police. Destinazione: il Seicento. Un numero sempre maggiore di artisti, generalmente inglesi, sembra attratto dal mondo classico.

    Il numero di novembre della rivista “Classic FM” mette in copertina Paul MacCartney. In ottobre un altro mensile dedicato alla musica classica, “BBC Music Magazine”, ha fatto lo stesso con Sting. Al di là della coincidenza temporale, questo ci impone di riflettere su un mutamento in atto. Un numero sempre maggiore di artisti, generalmente inglesi, sembra attratto dal mondo classico. Questo fenomeno si manifesta in modi diversi, ma è incontestabile. Pensiamo a Roger Waters (“Ça ira”, Sony-BMG, 2005), a Tony Banks (“Seven: A Suite for Orchestra”, Naxos, 2004), oppure ai dischi che Elvis Costello ha inciso per la Deutsche Grammophon. Senza contare che il suddetto ex-Beatle ha appena pubblicato il quarto CD classico, “Ecce Cor Meum” (EMI, 2006). Il fenomeno è ancora più significativo se si considera che nessuno dei compositori citati, tranne Banks, viene dal rock progressivo, che nonostante i suoi difetti aveva una contiguità con il mondo classico del tutto ignota agli artisti citati. A questo nutrito plotoncino si aggiunge oggi Sting. Il musicista di Newcastle ci aveva già abituato a una grande versatilità: partito dal rock dei Police, in seguito era approdato alla collaborazione con Gil Evans (“Strange Fruit”, ITM, 1997) e più recentemente con Anoushka Shankar, figlia del celebre virtuoso Ravi Shankar (“Sacred Love”, A&M, 2003). Ma difficilmente avremmo potuto immaginare che fra le tappe successive ci fosse spazio anche per la musica del Seicento.
    I brani sono tutti di John Dowland (1563-1626), tranne uno dovuto alla penna di Robert Johnson (1583-1633). Musicista convertito al cattolicesimo, Dowland girò l’Europa proponendo canzoni che cantava lui stesso: lo potremmo definire un cantautore ante-litteram. I brani, quasi tutti piuttosto brevi, formano un mosaico sonoro affascinante, talvolta un po’ monotono, ma ricco di stile e di misura. Sting canta e suona l’arciliuto (da noi noto come chitarrone). Accanto a lui il liutista bosniaco Edin Karamazov, che fornisce un contributo determinante. Ovviamente la maggior parte di coloro che ascolteranno questo disco faranno fatica a calarsi nel contesto musicale che questo presuppone. Però il merito di certi artisti consiste proprio nel loro coraggio di “forzare le orecchie” e fare da ponte verso mondi che altrimenti ci resterebbero ignoti. Ascoltate con attenzione questo disco: oggi potrete trovarlo un po’ monotono, ma domani potreste essere grati a Sting per avere arricchito i vostri orizzonti.
    Prima di chiudere, una riflessione. In Italia esistono alcuni musicisti che vengono dal rock ma che fanno riferimento al mondo classico. Pensiamo a Roberto Cacciapaglia o ad Arturo Stalteri.

    All’inizio parlavamo dei più prestigiosi mensili britannici dedicati alla musica classica. Evidentemente questi hanno colto un mutamento in atto. In Italia, invece, si resta abbarbicati alle vecchie certezze: ce li immaginiamo Cacciapaglia e Stalteri sulla copertina di “Amadeus”?

    Recensione di musicalnews

    Tutti i dischi di Sting
    Sacred Love (2003)
    All This Time (2001)
    Brand New Day (1999)
    The Very Best Of Sting & The Police II (1997)
    The Very Best Of Sting & The Police I (1997)
    Mercury Falling (1996)
    Fields Of Gold (1994)
    Ten Summoner’s Tales (1993)
    The Soul Cages (1991)
    Nada Como El Sol (1988)
    …Nothing Like The Sun (1987)
    Bring On The Night (1986)
    The Dream Of The Blue Turtles (1985)

    Discografia Police

    Outlandos D’Amour (1978)
    Regatta De Blanc (1979)
    Zeniatta Mondatta (1980)
    Ghost In The Machine (1981)
    Synchronicity (1983)
    Every Breath You Take: The Singles (1995)

    ~ di maxfjster su 17 gennaio 2007.

    Lascia un commento

    Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

    Logo WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

    Google+ photo

    Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

    Connessione a %s...

     
    %d blogger cliccano Mi Piace per questo: