Bel concerto..grazie Rivera..se stavi a casa forse avresti fatto un piacere a tutti!

Certo, non e’ stato un bell’esempio criticare il papa sapendo di avere una folla che presa dall’entusiasmo avrebbe applaudito, in foga all’entusiasmo a qualsiasi sparata di Andrea Rivera, uno dei presentatori.
Certo, sono daccordo nel ricordare la morte di Vanessa, e anche ai mancati funerali di welby,
ma perche’ prendersela con il pontefice, richiamandolo piu’ volte propio nella sua santa sede.
Commentava cosi’ con la folla che ineggiava le sue parole.

“Non sopporto che il Vaticano abbia rifiutato i funerali di Welby – ha proseguito -. Non è stato così per Pinochet, Franco e per uno della banda della Magliana. Con Gesù Cristo non c’erano due malati di Sla (Sindrome Laterale Amiotrofica ndr.), ma due ladroni”. Immediate sono state le prese di distanza dei sindacati e degli organizzatori, e di ciò prende atto l’Osservatore Romano che però si chiede da chi sia stato scelto Andrea Rivera, “un personaggio al quale purtroppo si e costretti a concedere ora un’immeritata notorietà”.

Ma che cazzo centra con il concerto del primo maggio, la gente e’ qui per divertirsi e non per ascoltare le tue calunnie gratuite per raccoglere l’esultanza di gente che nemmeno sapeva quello che dicevi!
Si sa’ ad un concerto basta dire fanculo che la gente esulta!
Con questo ho detto tutto, e non dite che non e’ vero!

“Chi l’ha scelto – è il commento – non ha tenuto conto del momento che stiamo vivendo. Le parole del conduttore forse sono solo espressione di una sconcertante superficialità. Ma la loro pericolosità non è altrettanto superficiale”. Il ‘comizio’ del conduttore – si fa notare- è avvenuto davanti ad una piazza di 400 mila persone e ad un pubblico televisivo ben più ampio.

Ed oggi leggiamo sull’Osservatore Romano questi articoli.
I vili attacchi al Papa
Anche questo è terrorismo

Dunque mi chiedo, se questo concerto e manifestazione e’ frutto degli operai che col tempo e con le lunghe lotte hanno conquistato questo giorno,
perche’ sporcarlo, colpendo duramente il vaticano.
sappiamo benissimo cosa comporta la la nostra convivenza come Italiani, e come popolo cristiano, il nostro compito e’ far rispettare le leggi a priori del cristianesimo.
Ci sono stati episodi ben piu’ gravi, episodi e vittime che andavano ricordate, gli organizzatori hanno fatto presto a tirarsi indietro dicendo che loro non erano a conoscenza della scaletta del concerto e tantomeno delle parole improvvisate di Rivera.
Forse era meglio che la Berte’ non slittasse cosi’ ci risparmiava le prediche che ormai lasciano il tempo che trovano,
forse qualche canzone della Berte’ non sarebbe stata gradita da tutti ma per lo meno avremmo evitato questo scempio.
Concerto del primo Maggio, i cantanti ci sono stati, l’organizazzione a fatto del suo meglio, questo era tutto quello che io volevo un umile concerto in memoria di tutti i lavoratori, e invece ce’ sempre quello che ne approfitta per sparare a zero con l’elogio di una folla che esultava chissa cosa e chissa’ se in quel momento capiva a chi stava dando ecitazzione e tutto il resto.
Io ho visto solo bandiere di pace d’amore e integrazione e lotta per combattere la piaga del precariato e della disocupazzione.
Be’ e’ l’una e sono troppo incaxxato per proseguire, magari tanti di voi han dato retta a quel conduttore piazzato in estremis,
daltronde Paolo Rossi ne ha piene le balle di rattappare certe stronzate, e ha fatto bene a dire la sua e suonare in onore di gente e fatti ben piu’ eclatanti,
senza cadere nel buonismo ma solo con la sua satira pungente e quell’aria di chi ha vissuto e continua a vivere la lotta di tutti noi.
L’altra, ….ha fatto bene a suonare il basso forse e’ la cosa che gli e’ riuscita meglio.

Il mio e’ un puro e semlice commento a tutto cio’ che ne e’ seguito
Fonte: Ansa
Durissimo affondo del Vaticano contro il concerto del primo maggio di piazza San Giovanni a Roma : i “vili attacchi al Papa sono terrorismo”, ha tuonato oggi l’Osservatore Romano, riferendosi alla satira fatta sul pontefice da uno dei conduttori dell’evento musicale, Andrea Rivera.

“Anche questo è terrorismo – ha scritto il quotidiano pubblicato dalla Santa Sede -. E’ terrorismo lanciare attacchi alla Chiesa. E’ terrorismo alimentare furori ciechi e irrazionali contro chi parla sempre in nome dell’amore, l’amore per la vita e l’amore per l’uomo. E’ vile e terroristico lanciare sassi questa volta addirittura contro il Papa, sentendosi coperti dalle grida di approvazione di una folla facilmente eccitabile”.

I “sassi” contro Ratzinger sono alcune battute pronunciate da Rivera, proprio in apertura del tradizionale concertone dei sindacati ieri a Roma. “Il Papa ha detto che non crede nell’evoluzionismo. Sono d’accordo, la Chiesa non si è mai evoluta”, ha ironizzato l’artista di strada, sponsorizzato sulle scene italiane da Giorgio Gaber e Serena Dandini.

“Non sopporto che il Vaticano abbia rifiutato i funerali di Welby – ha proseguito -. Non è stato così per Pinochet, Franco e per uno della banda della Magliana. Con Gesù Cristo non c’erano due malati di Sla (Sindrome Laterale Amiotrofica ndr.), ma due ladroni”. Immediate sono state le prese di distanza dei sindacati e degli organizzatori, e di ciò prende atto l’Osservatore Romano che però si chiede da chi sia stato scelto Andrea Rivera, “un personaggio al quale purtroppo si e costretti a concedere ora un’immeritata notorietà”.

“Chi l’ha scelto – è il commento – non ha tenuto conto del momento che stiamo vivendo. Le parole del conduttore forse sono solo espressione di una sconcertante superficialità. Ma la loro pericolosità non è altrettanto superficiale”. Il ‘comizio’ del conduttore – si fa notare- è avvenuto davanti ad una piazza di 400 mila persone e ad un pubblico televisivo ben più ampio.

La parole-sassi dell’artista sono – è il teorema del quotidiano diretto da Mario Agnes – il “terrorismo” che alimenta gli “attacchi e le minacce” di questi giorni contro il presidente della Cei, mons. Angelo Bagnasco e “l’odio anticlericale”. Un odio “purtroppo coscientemente alimentato – ha incalzato l’Osservatore – da chi fa del laicismo la sua sola ragione d’essere per convenienza politica”. Qualcuno – punta il dito il giornale vaticano – vuole “aprire una guerra strisciante, una nuova stagione di tensione, dalla quale trae ispirazione chi cerca motivi per tornare ad impugnare le armi, per rivitalizzare organizzazioni che hanno perso su tutti i fronti, primo fra tutti quello della storia”. “Anacronismi – ha commentato la testata della Santa Sede -. Come quella presenza sul palco a San Giovanni. Un residuato in mezzo a tanti giovani”.

Il duro attacco dell’Osservatore Romano ha immediatamente innescato una valanga di reazioni del mondo politico italiano, diviso tra chi condanna Rivera, chi minimizza, chi lo difende. Un fatto appare certo: quel clima che molti vescovi e uomini politici italiani si affannavano a rasserenare nei giorni scorsi -dopo il proiettile inviato a Bagnasco- si è oggi di nuovo fatto incandescente.

~ di maxfjster su 3 maggio 2007.

4 Risposte to “Bel concerto..grazie Rivera..se stavi a casa forse avresti fatto un piacere a tutti!”

  1. Ciao MAx, vero che le modalità sono state un po’ subdole e vigliacche (esagerato per conto mio ma lasciamo questo termine) ma “qualcuno” è forse in grado di dire alla Chiesa cosa dire la domenica dal pulpito? Parlano forse di amore e di ugualianza con chi è diverso da loro??
    Io gradirei si tornasse DA TUTTE LE PARTI a dare più importanza alle parole. Definire “Terrorista” qualcuno che ha idee diverse dalle proprie mi sembra quasi un avallo alla violenza. Ma ci rendiamo conto che c’è gente che il TERRORISMO lo vive SERIAMENTE tutti i santi giorni sulla propria pelle!!
    Scusami ma non vedo tutto questo scandalo nelle parole, ripeto, semmai nel modo ma ritengo le parole di Rivera una analisi logica, fredda ma, ahinoi, REALE!
    E poi a me hanno insegnato che solo chi ha la coda di paglia e non sa cosa dire contrattacca; che possa essere anche questa un’interpretazione?
    Un salutone

  2. Ciao Claudio,
    io mi sono incaxxato per il fatto che un concerto, anzi una giornata prima di tutto, come il Primo Maggio, guadagnata nel tempo dalla classe operaia i nostri genitori, e un sindacato che all’epoca faceva il suo dovere al 99%, sia stata usata strumentalizzata per avanzare delle critiche, che non centravano nulla col Primo maggio, con tutto il rispetto a welby e tutto il resto.
    Al concerto c’era mezzo milione di persone o forse piu’, ma sopratutto giovani, mentre i giovani che vanno in chiesa forse hanno degli altri motivi che sai benissimo.
    Non e’ giusto cio’ che dice “L’osservatore Romano” Ma nemmeno quello che avanzano i radicali.
    Allora se si vuole far una bella manfrina alla chiesa,
    che servirebbe di tanto in tanto, che lo facciano ma di loro spontanea volonta e non aizzando una folla che e’ presa dall’emozione di un concerto.
    Le persone che han dato del terrorista a Rivera, o non sanno cosa significa terrorista, o han paura che tutto possa nascere da questo!
    La mia paura e’ che al prossimo concerto, ci mettano Don Mazzi,😆
    tanto e’ come il prezemolo.
    Cosi’ avremo il concerto con tanto di filtri da tutte le parti, una scaletta redatta dai sindacati, che sostengono di non sapere nulla e avanti cosi.
    Ciao Claudio.

  3. Sono un ragazzo di 18 anni e per caso sono capitato qui volevo semplicemente dire che forse era meglio fare i funerali a welby,se dio davvero esiste lo avrebbe perdonato.Ma la chiesa non puo perdere l’ appoggio dei partiti di destra quindi benvenuti in italia il paese del vaticano del clero e del “bacia l’anello al cardinale” e nel paese in cui religione= voto
    che bel posto eh?
    sono ateo ma ho avuto un istruzione (dalla mia famiglia) cattolica e se non erro gesu era umile il vaticano è umile?
    Cioe apprezzo i missionari ed i preti che lavorano per le persone , ma detesto vedermi uno che si affacci alla finestra con un vestiario complessivo di 7000/8000 che parla di umiltà
    Ciao
    e spero che prendiate le mie parole come punto di ragionamento

  4. Ciao homer,
    qui ce’ posto per tutti e per tutte le idee,
    io non e’ che ce l’avevo tanto con Rivera, e non difendo la chiesa,
    solo che poteva sceglere un luogo piu’ adatto, il 1 maggio e’ la festa dei lavoratori, e dovrebbe essere speso come un giorno di svago e divertimento senza polemizzare, oltretutto il giorno dopo si e’ pure scusato!
    Ciao e grazie della visita.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: